Calcestruzzo Stampato

Se volete acquistare un pavimento in cemento stampato, sicuramente vi starete chiedendo quali sono le fasi di realizzazione.
Questo video, realizzato dell'americana Brickform, illustra passo-passo tutte le operazioni che portano alla realizzazione di un pavimento in cemento stampato.
Buona visione!

Leggi di piú

I pavimenti in cemento stampato rappresentano da decenni un punto di riferimento nel settore delle pavimentazioni architettoniche in calcestruzzo, grazie alle indubbie doti di resistenza e durabilità tipiche del cemento, unite alla eleganza di forme che riproducono fedelmente rocce, pietre e legno.
Il cemento stampato rappresenta quindi un pavimento in grado di resistere efficacemente al trascorrere del tempo, non presenta possibilità di cedimento, sfondamento o rottura, essendo realizzato in un unico "getto" monolitico.

Esistono fondamentalmente due tipi di pavimenti in cemento stampato:
i pavimenti in calcestruzzo stampato tradizionali ed i pavimenti in cemento stampato a basso spessore.
I primi rappresentano il classico pavimento in calcestruzzo armato di 10-15 cm di spessore, il quale viene pigmentato e su cui vengono impressi gli "stampi" atti a riprodurre le forme desiderate.
I pavimenti in cemento stampato a basso spessore sono invece dei riporti superficiali di 10/20 millimetri costituiti da malte cementizie-polimeriche da applicare per incollaggio su vecchi sottofondi in calcestruzzo. La tecnica del "basso spessore" consente quindi di ristrutturare vecchi pavimenti in calcestruzzo, rivestendoli con un manto decorativo realizzato su specifiche del cliente.
Individuata la pavimentazione più adatta alle proprie esigenze, non rimane che sbizzarrirsi nella scelta di forme e colori, i cui abbinamenti possono soddisfare ogni richiesta di personalizzazione.

Leggi di piú

Il pavimento stampato in calcestruzzo è una tipologia di pavimentazione per esterni che è ancora scarsamente conosciuta in Italia. Ne consegue che l approccio del potenziale cliente è spesso ricco di forti dubbi sulla durata e sulla valenza estetica della pavimentazione.
Vorrei elencare qui di seguito alcune delle domande più frequenti (non precedentemente affrontate), in modo da poter esaudire alcune richieste di chi approda su queste pagine.

Il pavimento stampato è resistente?

In termini generali posso dire, assolutamente SI.
Ciò che incide sulla durabilità del pavimento stampato è la qualità e lo spessore del calcestruzzo, oltre che le buone proprietà dei sigillanti (resine) utilizzati per la finitura.
Pertanto,  un pavimento realizzato “in economia”, con materiali di scarsa qualità, avrà ovviamente una tendenza a degradarsi molto superiore rispetto ad un pavimento di buona fattura.
Se realizzato con i dovuti criteri, un pavimento in calcestruzzo stampato è assai resistente e durevole nel tempo.

Alcune aziende asseriscono che i propri pavimenti stampati non necessitano di manutenzione. E’ vero?

A mio giudizio, direi proprio di no.
Il calcestruzzo di per se, è un materiale che richiede una manutenzione ordinaria.
Come spiegato precedentemente, il calcestruzzo stampato viene “sigillato” e protetto con resine trasparenti, le quali, ovviamente, non sono eterne.
Una semplice ed economica manutenzione ordinaria, effettuata ogni “x” anni anche come "fai da te", permetterà di mantenere lo strato protettivo sempre efficiente.

I pavimenti in calcestruzzo stampato si crepano?

Nessuna azienda vi garantirà la completa assenza di crepe, in quanto i pavimenti in calcestruzzo, specialmente se realizzati in spessori esigui, hanno la tendenza a fessurarsi in modo talvolta imprevedibile.
Tuttavia, analizzando il cantiere nel suo specifico, è possibile attuare degli accorgimenti tecnici in grado di ridurre considerevolmente il rischio di fessurazioni.

Il calcestruzzo stampato tende a sbiadire?

Con una minima manutenzione ordinaria, il calcestruzzo stampato non sbiadisce in modo sensibile.

Di che spessore devo realizzare il pavimento stampato?

Dipende dal tipo di struttura e dalla destinazione d’uso del pavimento (pedonale o carrabile).
Occorre valutare caso per caso.
È necessario ricordare che minore è lo spessore e maggiori saranno i giunti, maggiore sarà la possibilità di crepe, minori saranno le resistenze al traffico dei veicoli, etc…
Quindi, è sempre consigliabile “regalare” quel centimetro o due come margine di sicurezza..
Generalmente gli spessori variano dagli 8 ai 15 cm, su sottofondo ben compattato.

È possibile realizzare un pavimento in cemento stampato su un sottofondo già esistente?

Si. Grazie a prodotti specifici per la realizzazione di betoncini stampati a basso spessore, tipo Neokera Skin, è possibile realizzare pavimenti stampati di soli 10-15 millimetri di spessore. È necessario tuttavia che il sottofondo in calcestruzzo sia perfettamente sano, integro ed adeguatamente irruvidito.

Leggi di piú

Pavimenti architettonici in cemento per esterni

I pavimenti stampati in calcestruzzo hanno rappresentato una grande innovazione nel settore del design e dell’architettura.
Il calcestruzzo è un materiale robusto e durevole ma talvolta di scarse virtù estetiche.
Grazie ad una tecnica di “stampaggio in opera” unita ad ossidi coloranti e resine, il semplice massetto di cemento riproduce in maniera estremamente fedele l’aspetto di pietra, porfido, ceramica ed addirittura legno!
I pavimenti stampati hanno un costo accessibile (inferiore ai corrispettivi in pietra), sono rapidi da realizzare, sono resistenti agli agenti atmosferici, richiedono una bassa manutenzione e sono esenti dagli avvallamenti e dai cedimenti tipici dei pavimenti in pietra.
In pratica, un pavimento a cui non si può chiedere nulla di più!

Tutte le informazioni tecniche e le fotografie sul nostro sito, visitabile clikkando sul link qui sotto.
 

Leggi di piú

Il calcestruzzo stampato, generalmente definito erroneamente “cemento” stampato, è una tecnica relativamente recente importata dagli USA tramite cui è possibile plasmare e pigmentare il calcestruzzo sino a riprodurre fedelmente l’aspetto di pietre, porfido, piastrelle, tavelle ed addirittura legno. La tecnica del calcestruzzo stampato è ad esclusiva di personale altamente qualificato e viene utilizzata generalmente per pavimentazioni e muri. Il calcestruzzo, una volta gettato, viene stampato con appositi stampi in gomma, quasi come in un processo tipografico. Un pavimento stampato presenta notevoli pregi. Oltre ad un aspetto estetico di grande pregio e di elevata personalizzazione, il calcestruzzo stampato è anche pratico, durevole ed ha un costo di realizzo decisamente accessibile rispetto alle normali pavimentazioni in pietra. ATEF può offrirvi una combinazione cromatica ed estetica di primissimo livello nel settore dei pavimenti stampati. L’utilizzo di resine sigillanti-vetrificanti consente inoltre di eliminare totalmente i classici degradi dovuti al gelo, che generalmente colpiscono le pavimentazioni in calcestruzzo.

Leggi di piú

Sponsor tecnico

Silicati

Visita il sito

  Web Agency XODUS New Media

Possiamo esserti utili?

Compila tutti i campi. Ti ricontatteremo in tempi brevi.