Come pulire un pavimento in resina

17/07/2018
Come pulire un pavimento in resina

i pavimenti industriali in resina, considerati nel loro insieme, rappresentano una ottima soluzione tecnica per ambienti produttivi di ogni genere, in quanto offrono innumerevoli vantaggi rispetto ai tradizionali pavimenti in calcestruzzo.
Alla impermeabilità tipica di un rivestimento in resina ne consegue una buona facilità di pulizia e decontaminazione, a condizione di adottare opportuni accorgimenti per il lavaggio.

L'importanza del detergente.

Solitamente si presta molta attenzione alla scelta del detergente per i pavimenti della nostra casa, come a quelli per il bucato o la lavastoviglie. Nel campo dei pavimenti industriali invece, nella quasi totalità dei casi si richiede unicamente che il detergente per il lavaggio sia estremamente economico; un controsenso se consideriamo che le pavimentazioni delle industrie sono le superfici più soggette al deposito di sporcizie difficilmente rimovibili!
Scegliere un detergente di qualità e specifico per le proprie esigenze, rappresenta quindi una componente di assoluta importanza.
Discorrendo tempo fa su questo tema, un produttore di detergenti mi disse difatti che: "un detergente industriale di medio-bassa qualità,  utilizzato con le classiche diluizioni "ad occhio" (generalmente meno del 1-2% in acqua), ha il solo effetto di profumare l'ambiente.  A tal punto, conviene utilizzare solo acqua."
Occorre pertanto orientarsi su detergenti di qualità, specifici per la propria attività e per il tipo di contaminazioni che andranno a depositarsi sul pavimento.
Occorre inoltre evitare tassativamente i detergenti fortemente acidi od alcalini, preferendo detergenti quanto più possibile neutri.
Se si opera in regime HACCP andranno adottati detergenti specifici.

Il tempo di applicazione del detergente.

Tutti i detergenti, anche quelli più aggressivi, necessitano di un tempo minimo di applicazione sulla superficie per svolgere il proprio lavoro.   Questo concetto, seppur banale, é stato completamente trascurato da quando sono state introdotte sul mercato le moderne macchine lava-asciuga.
é impensabile difatti che i 2 secondi che trascorrono tra la posa del detergente, il frizionamento e l'aspirazione, siano sufficienti per svolgere una qualsiasi azione detergente!
Anche utilizzando una macchina lavasciuga per pavimenti, é indispensabile effettuare un primo passaggio per il deposito del liquido di detersione ed effettuare l'aspirazione solo in un secondo passaggio, trascorsi alcuni minuti.

Il lavaggio a mano e/o con idropulitrice.

Il lavaggio a mano e/o con idropulitrice.

il lavaggio a mano in ambiti industriali, é da considerarsi efficace solo se eseguito con metodo, che comprende:

  • Rimozione meccanica dei depositi solidi.
  • Applicazione del detergente, diluito come da specifiche del produttore.
  • pulizia meccanica con apposite spazzole.
  • Eventuale azione della idropulitrice, con acqua tiepida.
  • Rimozione del liquido con risciacquo.
Il lavaggio con macchine lavasciuga

Il lavaggio con macchine lavasciuga

Come precedentemente descritto, il lavaggio di un pavimento in resina con macchine lavasciuga deve essere effettuato in 2 passaggi, in modo tale da consentire al detergente di agire chimicamente sulla superficie. Il primo passaggio prevederà il fizionamento con spazzole morbide ed il contestuale rilascio del liquido di detersione. Il secondo passaggio, effettuato dopo alcuni minuti, sarà effettuato con frizionamento meccanico delle spazzole ed aspirazione dei liquidi.

La rimozione delle tracce nere di pneumatici.

La rimozione delle tracce nere di pneumatici.

l'uso intensivo dei muletti  dotati di pneumatici neri, provoca frequentemente la formazione di striscie scure, dovute a deposito di materiale plastico.
La rimozione di queste macchie é possibile con un lavaggio intensivo e l'uso mirato di un detergente specifico, il quale dovrà contenere specifici solventi per la rimozione della gomma.
Risulterebbe tuttavia molto più saggio e pratico dotare i muletti di pneumatici antitraccia di colore grigio chiaro/bianco.

Ceratura.

in pavimenti industriali soggetti a lavaggi con acqua calda o pavimenti antistatici, la ceratura é una operazione da evitare assolutamente.
Tuttavia, su pavimenti in resina industriali, commerciali e civili, una ceratura periodica del pavimento con cere autolucidanti, contribuisce in maniera determinante a mantenere bello ed efficiente il pavimento stesso. Questo perché la cera funge da strato di sacrificio contro graffi e contaminazioni.

Il concetto di manutenzione periodica.

La rimozione dei contaminanti e la pulizia diventano tanto più semplici quanto più frequenti sono le operazioni di pulizia. E' importante prevedere un piano di manutenzione e pulizia periodica, in modo da mantenere la pavimentazione in buone condizioni ed evitare le "pulizie di fine anno", il cui esito sarà inevitabilmente deludente.

Segui Atef su Twitter
Segui Atef su Facebook
Segui Atef su YouTube
Segui Atef su Instagram

Possiamo esserti utili?

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

  Web Agency XODUS New Media

Possiamo esserti utili?

Compila tutti i campi. Ti ricontatteremo in tempi brevi.