Pavimenti al quarzo

01/03/2019
pavimenti quarzo

Molto spesso si sente parlare di pavimenti in cemento al quarzo o pavimenti quarzati. Cosa sono?

Questi termini sono divenuti di uso comune ma sono vagamente impropri.
Per pavimenti al quarzo si intende generalmente il “classico” pavimento industriale in calcestruzzo, su cui viene applicato, fresco su fresco, uno strato di corazzante superficiale a base di cemento, granuli di quarzo e sabbia silicea.

pavimento quarzo

Perché viene usato il quarzo?

Il quarzo è un minerale che presenta un’ottima durezza misurata su scala di Mohs, unito ad una ampia reperibilità e quindi un costo relativamente basso. L’applicazione sopra calcestruzzo fresco di un corazzante a base di quarzo è quindi finalizzato alla realizzazione di uno strato di usura, il quale ha la funzione di migliorare le caratteristiche tecniche e le prestazioni meccaniche del pavimento, quali durezza e resistenza all’abrasione.
L’applicazione di uno strato di usura consente inoltre una più facile lisciatura della superficie e, nel caso di utilizzo di pigmenti in polvere, ottenere una colorazione della superficie.

pavimenti quarzati

L’applicazione dello strato di usura al quarzo.

I corazzanti a base di quarzo possono essere di due tipi:

  • A spolvero.
    Nel metodo a spolvero, il pavimento in cls viene gettato sino a quota finita. Durante le prime fasi di indurimento del calcestruzzo, viene applicato uno spolvero superficiale di una miscela costituita da cemento, sabbie silicee e quarzo in quantitativo pari alla capacità del calcestruzzo di idratare ed inglobare tale miscela. Tale strato d’usura verrà poi inglobato e lisciato con apposite fratazzatrici meccaniche (dette anche “elicotteri” per la particolare forma). Come spiegato in un precedente articolo, applicare una eccessiva quantità di spolvero per rispettare degli inappropriati criteri progettuali, può portare a conseguenze estremamente negative a causa del mancato inglobamento ed idratazione dello stesso, con conseguente delaminazione dello strato d’usura. E’ quindi compito del pavimentista, in base alla propria esperienza e competenza, valutare durante le fasi di fratazzatura il corretto quantitativo di spolvero da applicare.
  • A pastina.
    Con tale sistema il massetto di cls viene gettato ad una quota inferiore di 5-10 millimetri rispetto al piano finito. Sempre con metodo “fresco su fresco”, viene gettata una malta superficiale costituita da inerti, granuli di quarzo, cemento, acqua, additivi fluidificanti ed eventuali pigmenti.
    La “pastina” viene quindi lisciata con fratazzatrici meccaniche.
    Il metodo a pastina è molto meno utilizzato del sistema a spolvero per via dei maggiori costi e di alcune difficoltà applicative.

I limiti degli strati d’usura.

I sistemi sovra citati sono corazzanti a base cementizia, con i vantaggi ed i limiti che ne derivano.
qualsiasi corazzante cementizio non è naturalmente antipolvere ed antiolio, anzi, come qualsiasi superficie cementizia si presenterà poroso, assorbente e con tendenza a formare polvere. Nel caso siano necessarie specifiche caratteristiche tecniche di repellenza ai liquidi, sarà necessario prevedere trattamenti successivi con impregnanti a base di resine trasparenti (epossidiche, poliuretaniche od acriliche) o di specifici formulati a base di silicati di litio.
Sempre per la propria natura cementizia, la superficie non potrà mai essere uniforme e monocromatica ma presenterà difformità e sfumature tipiche del materiale. Aspettarsi uniformità cromatica dal cemento,  come aspettarsi di avere un legno monocromatico: di fatto impossibile.

Esistono altri strati di usura differenti dal quarzo?

Gli strati di usura a base di cemento e quarzo ricoprono la quasi totalità delle applicazioni in campo industriale.
Tuttavia, per applicazioni speciali in cui sono richieste particolari resistenze meccaniche, sono disponibili sul mercato anche spolveri a base di corindone naturale o sintetico (il quale ha una durezza su scala Mohs decisamente più elevata del quarzo), granuli metallici o carburo di silicio.

Segui Atef su Twitter
Segui Atef su Facebook
Segui Atef su YouTube
Segui Atef su Instagram

Atefchannel

Atefchannel on YouTube

Visita il Canale

Possiamo esserti utili?

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

  Web Agency XODUS New Media

Possiamo esserti utili?

Compila tutti i campi. Ti ricontatteremo in tempi brevi.