Pavimenti in resina industriali. Si, ma quale?

08/11/2016
Pavimenti in resina industriali. Si, ma quale?

I pavimenti in resina industriali possono essere la giusta soluzione in un contesto produttivo solo se correttamente progettati in funzione della specifica destinazione d’uso.
“Pavimenti in resina” difatti è un termine che comprende una gran varietà di prodotti, con spessori, costi, prestazioni ed aspetti estetici molto diversi tra loro.
Avvalendosi della consulenza di un tecnico esperto in pavimenti in resina industriali, occorrerà individuare quale tipologia di pavimentazione risulta essere la più idonea, demandando solo ad una fase successiva la redazione di un preventivo economico.
La scelta di una errata tipologia di pavimento in resina, condizionata da aspetti economici più che tecnici, può portare a gravi conseguenze, quali scarsa durabilità del manufatto, inagibilità totale o parziale del pavimento con conseguente necessità di asportare e rifare la pavimentazione, revoca di abilitazioni ASL, HACCP, FDA, etc..
Un tecnico qualificato dovrà individuare la “retta via”, valutando:
• Destinazione d’uso del pavimento.
• Condizioni ambientali.
• Stato del sottofondo (contaminazioni, degrado, resistenze, umidità, barriera al vapore, etc..)
• Aspetto estetico richiesto.
• Aggressioni chimiche e meccaniche future.
• Rispetto di normative sanitarie o di sicurezza.

Pavimenti in resina industriali. Si, ma quale?

Il recente documento “linee guida per prescrizione, posa, controlli, verifica finale e manutenzione di sistemi resinosi continui” (disponibile nella nostra area download) edito da Conpaviper si offre come strumento valido e gratuito per una corretta interpretazione del panorama dei pavimenti in resina industriali. Il testo, di facile lettura anche per i non addetti ai lavori, dovrebbe essere di estremo interesse per impresari, tecnici, uffici acquisti, utilizzatori finali e per tutte quelle persone che si trovano nella necessità di appaltare ed acquistare un pavimento in resina.
Le linee guida Conpaviper, seguendo le norme vigenti e la situazione di mercato, identifica i trattamenti ed i rivestimenti in resina per pavimenti industriali in otto macro-categorie:

  • Trattamenti impregnanti incorporati
  • Rivestimenti pellicolari
  • Rivestimenti multistrato
  • Autolivellanti
  • Rivestimenti in malta spatolata
  • Sistemi antistatici-conduttivi
  • Sistemi ad alta resistenza chimica
  • Pavimenti decorativi.

Queste macro-categorie standard presentano al loro interno molteplici varianti di prodotti, che si distinguono per natura chimica del legante e caratteristiche applicative.
Solo un corretto e trasparente scambio di informazioni con il committente permetterà di identificare la soluzione con il giusto rapporto prestazioni/durabilità/prezzo.

Segui Atef su Twitter
Segui Atef su Facebook
Segui Atef su YouTube
Segui Atef su Instagram

Possiamo esserti utili?

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

  Web Agency XODUS New Media

Possiamo esserti utili?

Compila tutti i campi. Ti ricontatteremo in tempi brevi.