Pavimenti per esterni in calcestruzzo: pendenze e deflusso delle acque.

19/04/2018
pavimenti-esterni-pendenze

Lo spunto per la realizzazione di questo breve articolo mi viene dato da una richiesta che mi è stata posta pochi giorni fa, ovvero la preventivazione di un pavimento in calcestruzzo per un’area esterna di 670 mq con pendenza di 2-3 millimetri al metro (0,2/0,3%), in cui si dovrà GARANTIRE il deflusso delle acque meteoriche verso i pozzetti di raccolta e l’assenza di ristagni d’acqua.
Personalmente posso garantire il contrario, ovvero che con una pendenza di 2 o 3 millimetri/metro (sempre che essa sia realizzabile in un manufatto posato manualmente) ci saranno sicuramente dei ristagni d’acqua.
La norma UNI 11146 “Criteri per la progettazione, la costruzione ed il collaudo di pavimenti in calcestruzzo” indica che per evitare ristagni di acqua le pavimentazioni esterne devono essere realizzate con una pendenza di ALMENO 15 mm/m.
Qualcuno definisce questa pendenza come “esagerata”, in quanto l’acqua può defluire correttamente anche con pendenze decisamente inferiori.
In realtà la UNI 11146 non sbaglia, in quanto:

  • L’acqua non ha le ruote (mi si perdoni il sarcasmo). Immaginate il parabrezza della vostra auto quando piove. Alcuni veicoli tipo furgoni o camion hanno parabrezza praticamente verticali, eppure quando piove occorre utilizzare i tergicristalli per asportare il velo di acqua che aderisce alla superficie.
  • Il margine di errore umano. I pavimenti in calcestruzzo sono manufatti che vengono realizzati a mano, pertanto un margine di errore millimetrico non può essere contemplato.
  • Ultimo ma più importante: l’imbarcamento delle piastre di calcestruzzo! Il calcestruzzo è un materiale che, allo stato semi-fluido contiene una elevata quantità di acqua. A seguito delle fasi di posa tale acqua evapora, ma in modo differenziale tra lo stato corticale esposto all’aria e lo strato di fondo. La perdita di volume differenziata tra strato superficiale ed inferiore crea deformazioni tali da imbarcare le piastre. Se l’imbarcamento è superiore alla pendenza del pavimento, risulta ovvio che le piastre di cls tratterranno l’acqua piovana.
Segui Atef su Twitter
Segui Atef su Facebook
Segui Atef su YouTube
Segui Atef su Instagram

Possiamo esserti utili?

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

  Web Agency XODUS New Media

Possiamo esserti utili?

Compila tutti i campi. Ti ricontatteremo in tempi brevi.