Problemi con il vostro pavimento in resina?

21/06/2017
Forse l'azienda applicatrice non era all'altezza...

Forse l'azienda applicatrice non era all'altezza...

Nella foto vedete un bel pavimento in resina?
Forse si, almeno esteticamente, il pavimento non presenta gravi problemi.
Tuttavia il rivestimento epossidico è stato realizzato da “improvvisati specialisti” del settore, i quali hanno utilizzato materiali per diverso uso (addirittura per il “fondo” è stato usato un rasante per muri, armato con rete per cappotti). I giunti sono poi stati tagliati e sigillati con banale silicone per uso idraulico.
Il rivestimento, che doveva essere un multistrato a base di resine epossidiche e sabbie di quarzo, si è rivelato una accozzaglia di materiali edili mal posati. La resina epossidica è stata usata solo per lo strato di finitura e degli spolveri di quarzo non vi è traccia.

Problemi con il vostro pavimento in resina?

Dopo solo 1 mese (un mese!) dalla realizzazione, il rivestimento è stato demolito e rifatto ex-novo, con costi nettamente superiori a quelli previsti inizialmente e con un conseguente lungo fermo produttivo.
…e se pensate che questo è solo un singolo caso sfortunato, vi sbagliate. Il mercato purtroppo lascia ampio campo d’azione ad aziende improvvisate, che acquisiscono appalti grazie a preventivi estremamente economici.

Segui Atef su Twitter
Segui Atef su Facebook
Segui Atef su YouTube
Segui Atef su Instagram

Possiamo esserti utili?

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

  Web Agency XODUS New Media

Possiamo esserti utili?

Compila tutti i campi. Ti ricontatteremo in tempi brevi.