i giunti di contrazione nei pavimenti in calcestruzzo.

13/12/2018

“Buongiorno. Devo realizzare un pavimento in battuto di cemento per uso officina tagliato in riquadri di 16 mq, etc, etc..”

Questo é (purtroppo) un estratto di una richiesta tipo che mi viene sottoposta alquanto frequentemente. A lasciare sbigottiti è che tale richiesta, alquanto generica ed imprecisa, proviene da uno specialista del settore edile. 
Tralasciando le inutili polemiche, vorrei però soffermarmi sulla richiesta del “tagliato in riquadri di 16 mq”, che sempre più frequentemente mi ritrovo in capitolati e richieste di preventivo.
Da dove arriva quel 16 mq? 
C’è qualcosa che non va e mi piacerebbe fare chiarezza.

Immagine

Per sapere quale è la dimensione (larghezza massima del lato) in cui devono essere tagliati i pavimenti in calcestruzzo, occorre conoscere principalmente due fattori:
1) Altezza del massetto di calcestruzzo.
2) Natura del sottofondo (massicciata, solaio, vecchio pavimento)

Altri fattori da considerare sono inoltre la presenza o meno di uno strato di scorrimento sotto il massetto (foglio di polietilene applicato in singolo o doppio strato), il tipo di calcestruzzo utilizzato, le condizioni climatiche presenti durante e dopo il getto, etc...

N.B. Nonostante il modello di dimensionamento dei giunti di seguito descritto sia stato citato anche nei codici di buona pratica Conpaviper, esso ovviamente non può rappresentare un metodo di rigore scientifico, bensì una piccola regola di facile comprensione, originata dall'esperienza e dalla pratica di settore.

Su sottofondo in massicciata, a determinare la larghezza del riquadro del calcestruzzo contribuisce sensibilmente lo spessore del massetto. La "regola" definisce che la larghezza massima del lato delle piastre del pavimento (y), corrisponde allo spessore del massetto (H) moltiplicato 18 + 100 cm.
Pertanto y = H x 18 + 100

Ipotizzando uno spessore medio del massetto pari a 17 cm, la larghezza massima del riquadro sarà:
17 x 18 +100 = 406 cm
Riquadri di 4,06 x 4,06 m, danno una superficie di 16,48 mq.

Questa formula da ovviamente una indicazione del dimensionamento massimo delle piastre di calcestruzzo, e non é garanzia assoluta contro la formazione di fessurazioni.

Su sottofondi costituiti da solette o da altri pavimenti, la “regola” sovra citata perde di efficacia, in quanto il pavimento dovrà essere tagliato e dimensionato tenendo conto della struttura sottostante.

Altra questione che vorrei affrontare: Quando e quanto il pavimento deve essere tagliato?
In alcune richieste di preventivo si trova scritto che il taglio deve essere profondo “almeno 2/3 cm”. Anche qui, il dimensionamento non dovrebbe essere casuale.  La profondità di taglio varia in funzione del tipo e del grado di maturazione del calcestruzzo (minore maturazione = necessità di taglio meno profondo). Tuttavia, una regola generale indica che il taglio dovrebbe avere uno spessore di 1/5 (un quinto) dello spessore del massetto. Pertanto, ipotizzando sempre uno spessore del massetto di 17 cm, il taglio dei giunti dovrebbe avere una profondità di 3,5 cm circa.
La tempistica di taglio dovrebbe essere la più rapida possibile, in modo da ridurre le tempistiche della "fase di vulnerbilità" del pavimento, generalmente entro 24, massimo 48 ore dal getto, per consentire alla lastra di calcestruzzo di contrarsi coorrettamente e lesionarsi all’interno del giunto.

Immagine

Con che materiale si sigillano i giunti?
Subito dopo l’avvenuto taglio dei giunti, gli stessi verranno riempiti con guaine preformate in materiale plastico. Tali guaine devono essere considerate, come da norma uni 11146 come sigillatura provvisoria, atta a preservare l’integrità e la pulizia della sede del giunto durante la maturazione del calcestruzzo.
La vera e definitiva sigillatura del giunto consiste nella rimozione della guina plastica (ad avvenuta maturazione del pavimento) e l’applicazione di appositi sigillanti polimerici di appropriato modulo elastico, i quali hanno generalmente una base poliuretanica.
La mancanza di un apposito sigillante polimerico elastico, lascerà scoperta la sede del giunto, rendendo gli spigoli dello stesso soggetti ad inevitabile rottura.

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Consulenza per pavimenti industriali in resina, cemento, calcestruzzo…

Un team di esperti con oltre 40 anni di specializzazione nel settore dei pavimenti industriali.


Hai problemi con un pavimento in cemento/calcestruzzo e non sai come risolvere?

Necessiti di una perizia od una consulenza in merito ad un pavimento in resina che non soddisfa le tue aspettative?

Il pavimento industriale che hai realizzato si sta precocemente deteriorando?

Necessiti di supporto tecnico (CTP) per un contenzioso?

Esperto Online