Magazzini VNA e planarità dei pavimenti.

16/09/2016

Immagine

I magazzini VNA (Very Narrow Aisle) rappresentano il presente ed il futuro della logistica.
La disposizione a “corridoi stretti”, sino a soli 1650 mm di larghezza e fino a 16 metri di altezza, consente una altissima densità di stoccaggio delle merci, oltre che una ottima velocità di flusso di immagazzinaggio.
Tale efficienza è possibile grazie alla precisione quasi “chirurgica” dei carrelli elevatori realizzati per questo specifico utilizzo.
Occorre tuttavia ricordare che il pavimento industriale è il piano di lavoro su cui si svolge tutta l’attività della logistica, pertanto i carrelli VNA devono viaggiare su una pavimentazione che presenta caratteristiche adeguate. Accade di frequente infatti, che non si presti importanza alle caratteristiche della pavimentazione, pensando che la stessa debba fondamentalmente occuparsi di sopportare il peso delle scaffalature, salvo poi scoprire a cantiere ultimato che quei bellissimi carrelli non possono muoversi su una pavimentazione di tipo tradizionale.

Parafrasando quanto ha scritto un nostro stimato collega: ”Stiamo chiedendo a carrelli da centinaia di migliaia di euro di muoversi su pavimenti realizzati manualmente, il cui costo al metro quadro è inferiore a quello di due chili di focaccia!”

Immagine Perché occorre una pavimentazione ad elevata planarità ed alta resistenza?

Perché occorre una pavimentazione ad elevata planarità ed alta resistenza?

Una elevata planarità è una delle caratteristiche fondamentali che si richiedono ad una corsia VNA ed il motivo è facilmente intuibile. Come accennato in precedenza i carrelli viaggiano in corsie strettissime e possono elevarsi sino a 16 metri; un dislivello di soli 3 o 4 millimetri della pavimentazione si tramuta in una forte ondulazione se il carrello si trova a diversi metri di altezza! Queste ondulazioni, se non rientrano nei parametri di sicurezza, possono rendere impossibile l’uso del carrello o limitarne drasticamente la funzionalità.
Occorre inoltre aggiungere che i carrelli VNA viaggiano costantemente su un percorso fisso, pertanto quel determinato tratto di pavimento sarà soggetto ad una forte usura localizzata nelle sedi di passaggio delle ruote rigide. Onde evitare riparazioni future che impedirebbero il temporaneo utilizzo delle corsie, occorre prevedere sin dall’origine una finitura superficiale del pavimento con una alta resistenza all’abrasione ed un adeguato potere antisdrucciolo.

Immagine Le normative di riferimento.

Le normative di riferimento.

Sin dai primi anni ’90, l’istituto tedesco per la standardizzazione si è occupato di normare le caratteristiche delle pavimentazioni ad uso VNA, tramite le norme DIN15185 e DIN18202.  Successivamente l’associazione tedesca di engineering VDMA ha emesso un documento di linee guida denominato "Pavimenti per utilizzo con carrelli VNA", la quale fa riferimento alle normative DIN summenzionate.

Le soluzioni

L’insediamento di un nuovo magazzino VNA può avvenire in una nuova costruzione edilizia quanto in un vecchio stabilimento.
In caso di nuova costruzione si avrà maggior margine di intervento, in quanto in fase progettuale si potrà optare per una pavimentazione in calcestruzzo con elevata planarità ed elevata resistenza all’abrasione, possibilmente realizzata con sistema jointless. Tuttavia i pavimenti in calcestruzzo vengono realizzati seguendo la più permissiva norma UNI11146, inoltre il calcestruzzo è un materiale ricco di acqua, ed in fase di maturazione, per sua natura tenderà a modificare lievemente la propria planarità; pertanto occorrerà prevedere sin dal progetto iniziale degli interventi localizzati di rettifica o resinatura al fine di ottemperare alle severe normative DIN 15185 e DIN18202.
Nel caso di insediamento in una costruzione preesistente si dovrà intervenire su una pavimentazione che sicuramente non risponderà ai criteri richiesti. È consigliabile rilevare i valori Ff (Floor flatness) tramite sistemi di misurazione elettronica in modo da identificare le modalità di intervento per l’adeguamento della pavimentazione.

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Consulenza per pavimenti industriali in resina, cemento, calcestruzzo…

Un team di esperti con oltre 40 anni di specializzazione nel settore dei pavimenti industriali.


Hai problemi con un pavimento in cemento/calcestruzzo e non sai come risolvere?

Necessiti di una perizia od una consulenza in merito ad un pavimento in resina che non soddisfa le tue aspettative?

Il pavimento industriale che hai realizzato si sta precocemente deteriorando?

Necessiti di supporto tecnico (CTP) per un contenzioso?

Esperto Online