Pavimenti in cemento levigato

25/09/2020

pavimento in cemento levigato pavimento in cemento levigato - hangar aeroporto

I pavimenti in cemento levigato rappresentano una tipologia di superficie che sta riscuotendo una notevole diffusione anche in territorio italiano.
“Cemento levigato” si tratta però di un termine improprio, in quanto la materia che costituisce il pavimento è il Calcestruzzo, un materiale composto da cemento, inerti (sabbia e ghiaia), acqua ed additivi chimici. Tuttavia il termine Cemento é divenuto di uso comune e largamente utilizzato.
I pavimenti in cemento levigato e lucidato sono estremamente versatili e possono esaltare la bellezza di qualsiasi area interna ed esterna, sia che si tratti di un immobile industriale che commerciale. Mentre questo tipo di pavimentazione ha iniziato a diventare popolare solo di recente, i pavimenti in cemento hanno una lunga storia che risale a migliaia di anni fa. L’utilizzo del calcestruzzo per la realizzazione di pavimenti e strade può essere fatto risalire al 1° secolo A.C. ad opera dei Romani, mentre la scoperta del legante è di 3 millenni precedente, grazie ad Egizi ed Assiri.
I pavimenti in cemento levigato hanno invece un’origine recentissima. Pare infatti che la levigatura e lucidatura a secco del calcestruzzo sia stata scoperta quasi per caso in un cantiere tunisino negli anni ’90.
L’ottenimento di una superficie cementizia lucente ebbe un notevole successo, difatti numerose aziende, specialmente americane, si dedicarono intensamente alla produzione di macchine levigatrici e trattamenti specifici per pavimenti in calcestruzzo.

Un ulteriore “sprint” alla diffusione dei pavimenti levigati è stata data dalla scoperta ed utilizzo dei consolidanti – densificanti a base di silicati di litio, sodio o potassio.
Tali trattamenti, di cui abbiamo già parlato in precedenza, consentono di modificare la matrice del calcestruzzo, rendendola più densa e dura, quindi anche più lucente e di facile manutenzione.

pavimento in cemento levigato pavimento in cemento levigato con silicati di litio

Come si realizzano i pavimenti in cemento levigato?

Occorre subito dire che non tutte le superfici in calcestruzzo possono essere levigate con successo, e che il risultato finale dipende da molteplici fattori.  Il calcestruzzo deve presentarsi sano, coeso, ricco di pasta di cemento. Superfici magre, porose e povere di cemento portano a risultati scadenti, sia sotto il profilo estetico che nella sua durabilità.
E’ inoltre fondamentale sottolineare che il calcestruzzo è un materiale da costruzione disomogeneo, sia per struttura che per colore, così come per le pietre naturali, legno, etc..   La superficie che ne risulterà sarà quindi altrettanto disomogenea!  Non dovrete quindi aspettarvi l’omogeneità, che è caratteristica solo di materiali prodotti artificialmente in modo standardizzato e ripetibile.
Le operazioni di levigatura dipendono dalla natura del materiale e dal risultato che si vuole ottenere.
Superfici graffiate o lievemente deteriorate necessiteranno di una levigatura profonda per essere riportate a nuova vita.
Lo stesso vale per il risultato estetico che si vuole ottenere: se si vuole portare in evidenza la matrice del calcestruzzo e quindi i sassi che si trovano al suo interno, si dovrà partire con una levigatura profonda ed intensiva, diversamente si porteranno in evidenza solo i piccoli inerti superficiali dello spolvero di quarzo.
Se si desidera una ottima lucentezza si dovranno effettuare diversi passaggi di levigatura con utensili dalla grana sempre più fine, sino ad arrivare almeno ad una grana 800/1000. Diversamente, si potranno effettuare minori passaggi ed ottenere una finitura satinata o semi-lucida.
Avrete quindi compreso che non esiste un metodo standard di levigatura. Sta all’esperienza del fornitore decidere come intervenire sul pavimento in cemento, in base alle caratteristiche dello stesso ed al risultato finale che è stato concordato con il cliente.

pavimenti in cemento levigato pavimenti in cemento levigato e lucidato

Inerte a vista o “sale e pepe”?

Come già accennato, con le operazioni di levigatura è possibile portare in evidenza, come in sezione, la trama del calcestruzzo e gli inerti che lo compongono.  Con una levigatura più leggera è invece possibile evidenziare solo i piccoli inerti superficiali dello spolvero corazzante. Per via dell’effetto “puntinato” bianco-grigio-nero, tale finitura viene anche definita “sale e pepe”.
Personalmente ritengo che la finitura Sale e Pepe, oltre che essere decisamente più economica, risulti anche più moderna e gradevole.  Tuttavia i gusti non si discutono…

Immagine I pavimenti in cemento levigato e “colorato”.

I pavimenti in cemento levigato e “colorato”.

Ebbene si, non dobbiamo necessariamente rassegnarci al grigio cemento.
Tramite trattamenti impregnanti a base di acidi coloranti, è possibile creare velature di colore permanenti.
Questa pigmentazione viene definita velatura in quanto non risulta essere coprente, pertanto la texture del calcestruzzo, con i suoi pregi (ed i suoi eventuali difetti), rimarrà invariata.
Questa tecnica di colorazione risulta essere decisamente interessante per valorizzare esteticamente le pavimentazioni di spazi commerciali, industriali e showrooms, rendendole più “vivaci” e con maggior carattere.

Immagine Intervenire su nuove o vecchie superfici…

Intervenire su nuove o vecchie superfici…

Le operazioni di levigatura, lucidatura e trattamento del cemento possono essere realizzate su nuovi pavimenti o su superfici vecchie anche di decenni, purché la struttura sia sana e resistente.
Tuttavia, la realizzazione di un nuovo pavimento industriale in cemento levigato consente una più ampia possibilità di personalizzazione estetica.
Si noti ad esempio la foto a lato. Durante le fasi di getto di calcestruzzo e lisciatura del nuovo pavimento industriale, abbiamo creato un riporto superficiale contenente vetri colorati. Durante le fasi di levigatura il vetro è stato sezionato e portato in evidenza, rendendo la superficie estremamente gradevole ed interessante.

Immagine Pro e contro dei pavimenti in cemento levigato.

Pro e contro dei pavimenti in cemento levigato.

PRO:

  • Operazione realizzabile su nuove o vecchie superfici.
  • Ottima resistenza al graffio.
  • Design naturale, moderno e personalizzabile.
  • Prezzo di realizzazione decisamente interessante ed elevato rapporto “Value for money”.
  • Superfice traspirante, con buone capacità idro ed oleo repellenti.
  • Ottima facilità di pulizia e bassa manutenzione.
  • Privo di parti o trattamenti che possono esfoliarsi o distaccarsi.

CONTRO:

  • Pavimentazione non adatta ad ambienti alimentari in regime HACCP, produzioni farmaceutiche, camere bianche ed ogni area ad elevato standard igienico, in cui vengono richieste pavimentazioni impermeabili.
  • Superficie traspirante non impermeabile. Versamenti di oli, vino, liquidi alimentari o sostanze chimiche, dovranno essere rimossi per tempo, al fine di evitare che queste penetrino nella superficie, macchiandola permanentemente.                                                                                                        

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Consulenza per pavimenti industriali in resina, cemento, calcestruzzo…

Un team di esperti con oltre 40 anni di specializzazione nel settore dei pavimenti industriali.


Hai problemi con un pavimento in cemento/calcestruzzo e non sai come risolvere?

Necessiti di una perizia od una consulenza in merito ad un pavimento in resina che non soddisfa le tue aspettative?

Il pavimento industriale che hai realizzato si sta precocemente deteriorando?

Necessiti di supporto tecnico?

Esperto Online