pavimenti industriali in resina autolivellante

I pavimenti in resina autolivellante, un must nel settore industriale dove sono richiesti i più elevati standard igienici ed estetici.

29/07/2022

Immagine

I pavimenti in resina autolivellante sono sicuramente la tipologia più conosciuta di rivestimenti resinosi, grazie al particolare effetto estetico.
La posa dello strato autolivellante di resina (generalmente a base epossidica) permette di realizzare pavimenti dal design particolarmente gradevole, liscio e monocromatico.
In ambito industriale i pavimenti in resina autolivellante sono particolarmente apprezzati anche per le indubbie doti tecniche, l’assoluta facilità di pulizia, la totale impermeabilità ed il buon rapporto prestazioni/costo.

La superficie totalmente liscia e ‘vetrificata’ deve essere tuttavia inserita solo in contesti industriali in cui il rischio di scivolamento degli operatori è basso, in assenza quindi di liquidi o polveri che favoriscano la scivolosità, interponendosi tra il pavimento e la calzatura. Qualora venga richiesto un buon effetto antisdrucciolo, meglio orientarsi verso un pavimento in resina multistrato od un massetto epossidico.

Immagine I pavimenti in resina autolivellante NON livellano il sottofondo!

I pavimenti in resina autolivellante NON livellano il sottofondo!

È pensiero comune, che un pavimento in resina autolivellante possa appianare e livellare difformità del sottofondo ed avvallamenti.
Questo è un concetto totalmente errato in quanto:

  • La resina autolivellante viene definita tale in quanto ha la capacità di distendersi e perdere i segni lasciati dagli utensili di posa (spatole o racle).
  • I pavimenti industriali in resina autolivellante hanno uno spessore generalmente compreso tra 2 e 3,5 millimetri. Risulta ovvio che con spessori così ridotti è impossibile livellare qualsiasi difformità del sottofondo. Se dovessimo, ad esempio, appianare un dislivello di 3 millimetri, occorrerebbe realizzare un rivestimento di almeno 6 o 7 millimetri che, seppure tecnicamente realizzabile, sarebbe decisamente dispendioso sotto il profilo economico.

In sintesi, il sistema resinoso autolivellante ricopia fedelmente il piano e le eventuali difformità del sottofondo.

Immagine Caratteristiche del sottofondo da rivestire con resina autolivellante e modalità di applicazione.

Caratteristiche del sottofondo da rivestire con resina autolivellante e modalità di applicazione.

I sottofondi tipici di un pavimento in resina autolivellante sono costituiti da massetti in calcestruzzo di nuova o vecchia costruzione, pavimenti in ceramica, klinker.
Per le pavimentazioni in calcestruzzo su massicciata, occorrerà assicurarsi che siano provviste di barriera al vapore e che non sia presente umidità di risalita, onde evitare la formazione di bolle e distacchi del rivestimento.
La superficie dovrà essere irruvidita e decontaminata mediante macchine pallinatrici a circuito chiuso.
Una preparazione ‘semplice’ mediante lavaggio o carteggiatura non risulta idonea.
Il sottofondo dovrà quindi essere totalmente impermeabilizzato mediante applicazione di almeno due strati di primer epossidico (promotore d’adesione).
A questo punto sarà possibile applicare a spatola lo strato di resina autolivellante, utilizzando contestualmente un rullo frangibolle per facilitare la disareazione dell’impasto.
Lo spessore di questo ‘pacchetto’ di rivestimento, secondo la norma UNI 10966:2020 deve essere di almeno 2 millimetri, misurato a secco, ovvero a sistema indurito.
Eventuali giunti presenti nel sottofondo dovranno essere rispettati e riportati in superficie, mediante taglio con macchina tagliagiunti a disco diamantato, successivamente sigillati con specifica resina poliuretanica elastica.
Il tempo necessario per l’applicazione del sistema, su una superficie di 500 mq, è indicativamente di 4 – 5 giorni.

Immagine

Il risultato finale è una superficie monolitica, di indubbio pregio estetico, totalmente impermeabile e di facile pulizia e decontaminazione.
Per particolari applicazioni, la pavimentazione può essere antistatica dissipativa.

I tipici campi di applicazione di un pavimento in resina autolivellante sono:

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Consulenza per pavimenti industriali in resina, cemento, calcestruzzo…

Un team di esperti con oltre 40 anni di specializzazione nel settore dei pavimenti industriali.


Hai problemi con un pavimento in cemento/calcestruzzo e non sai come risolvere?

Necessiti di una perizia od una consulenza in merito ad un pavimento in resina che non soddisfa le tue aspettative?

Il pavimento industriale che hai realizzato si sta precocemente deteriorando?

Necessiti di supporto tecnico?

Esperto Online