UNI 10966:2020 – Pavimenti in resina. Aggiornata la norma di riferimento del settore.

15/11/2021

Immagine

La nuova norma UNI 10966 aggiornata nel 2020 sostituisce non solo la precedente versione del 2007, ma anche la UNI 8297:2004, incorporando quindi in un’unica norma di riferimento tutte le prescrizioni tecniche di settore.
La norma 10966 ha lo scopo di fornire le regole per la progettazione e l’applicazione dei sistemi resinosi per superfici orizzontali e verticali interne ed esterne dell'edilizia civile e industriale, applicate in opera tramite sistemi allo stato liquido a temperatura ambiente. Tali regole comprendono:
a) i criteri per la definizione e l'integrazione funzionale e costruttiva degli strati delle superfici trattate direttamente connessi con la posa dei sistemi resinosi, vale a dire lo strato ripartitore e quello di livellamento.
b) la terminologia relativa ai prodotti impiegati ed alle tecniche di posa;
c) le caratteristiche dei prodotti e dei materiali impiegati;
d) le prescrizioni per la posa in opera, con riferimento specifico a:
- tipi di prodotti impiegati;
- tipologia di preparazione delle superfici prima della posa inerenti alla tipologia di sistema resinoso da applicare.
- geometrie di posa realizzabili.
- condizioni ambientali.
- tempi di esecuzione e di agibilità.

x) i criteri di collaudo e accettazione del sistema resinoso finito.
e) i cicli di manutenzione della pavimentazione in servizio e le apparecchiature utilizzabili;
f) le prescrizioni per l'esecuzione di riparazioni;

La presente norma si applica a tutte le superfici orizzontali e verticali quali, ad esempio, pavimentazioni industriali, civili o del terziario, pareti, rampe e superfici inclinate in genere, interne ed esterne, che vengono trattate con sistemi resinosi continui.

Immagine Quali sono le novità della UNI 10966:2020?

Quali sono le novità della UNI 10966:2020?

La 10966:2020 amplia ed approfondisce le prescrizioni della precedente norma del 2004, inserendo alcuni passaggi fondamentali, tra cui:

  • Caratteristiche minime prestazionali del sistema resinoso. Tale paragrafo risulta (finalmente!) di fondamentale importanza per clienti e progettisti, i quali necessitano di comprendere le caratteristiche del pavimento, senza affidarsi solamente a schede e materiale pubblicitario dei fornitori.
  • Descrizione della preparazione delle superfici.  Passaggio fondamentale per la realizzazione di un sistema resinoso consiste in una accurata preparazione con macchine levigatrici, pallinatrici e scarificatrici. La nuova norma finalmente riconosce l’importanza di queste operazioni e ne descrive le modalità, in funzione del sistema resinoso da realizzare.

  • Prove su sottofondi. Ogni sottofondo necessita di una adeguata valutazione oggettiva e strumentale prima del suo rivestimento. Di fondamentale importanza la misurazione dell’umidità residua e del pull off test.

Immagine

La 10966:2020 affronta inoltre il tema dei pavimenti in resina decorativi ad uso civile e commerciale, non presenti nella precedente edizione.

La nuova norma indica i criteri da adottare per il collaudo e l’accettazione del sistema resinoso, oltre che la valutazione di eventuali inestetismi, tra cui:

  1. Origine e descrizione delle bruciature causate dallo slittamento di muletti
  2. Carbonatazione (condensa durante le fasi di indurimento di sistemi epossidici)
  3. Macchiatura da pneumatici
  4. Descrizione e misurazione del potere antisdrucciolo
  5. Variazioni di colore e brillantezza

La norma descrive inoltre le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria, così come anche pulizia e lavaggio, che devono essere inserite nel “libretto di uso e manutenzione del pavimento” che l’impresa costruttrice è obbligata a fornire.

In ultimo, la norma fornisce una scheda di rilevazione dati, la quale ha lo scopo di rendere chiari fin dall'inizio una serie di condizioni e di vincoli che hanno una importanza significativa per la corretta identificazione dei requisiti della pavimentazione, delle modalità di posa in opera, degli aspetti temporali relativi alla realizzazione e alla messa in servizio, ecc.

Per l’aggiornamento di questa norma il ringraziamento va anche alla sezione “pavimenti in resina” di Conpaviper (Associazione Italiana Sottofondi, Massetti, Pavimentazioni e Rivestimenti Continui), la quale ha lavorato con dedizione in commissione UNI per la stesura e la revisione tecnica del testo.

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Consulenza per pavimenti industriali in resina, cemento, calcestruzzo…

Un team di esperti con oltre 40 anni di specializzazione nel settore dei pavimenti industriali.


Hai problemi con un pavimento in cemento/calcestruzzo e non sai come risolvere?

Necessiti di una perizia od una consulenza in merito ad un pavimento in resina che non soddisfa le tue aspettative?

Il pavimento industriale che hai realizzato si sta precocemente deteriorando?

Necessiti di supporto tecnico (CTP) per un contenzioso?

Esperto Online