Parliamo di edilizia, sicurezza ed innovazione.

Mi capita assai frequentemente, dopo aver fatto “quattro calcoli” ed aver sottoposto al cliente l’offerta per la realizzazione di un pavimento industriale in calcestruzzo, di sentirmi dire: “mi sembra esagerato, non possiamo farlo più basso?”.

Premesso che non ho la presunzione di ritenermi il più bravo nel mio lavoro, né di utilizzare i migliori software di calcolo, ma…. perché dovremmo fare un pavimento di spessore più basso?
Generalmente le rimostranze si riassumono in:
1) Perché perdiamo volume/altezza/sfruttabilità dell’edificio.  (come se davvero 2 centimetri in meno facessero davvero la differenza in un capannone industriale alto 6/8 metri…)
2) Per farlo costare meno.

Mi soffermo sulla risposta 2, ovvero l’economicità di realizzazione.
Cercare l'economia estrema in pavimento industriale è pratica comune, la quale spesso porta verso risultati di scarsa durabilità o contenziosi.
Quali interessi avrebbe un’impresa specializzata in pavimenti industriali, nel cercare di vendere pavimentazioni di spessore sovradimensionato?  I margini di guadagno non sono proporzionali allo spessore.
Inoltre, un pavimento di spessore troppo elevato diviene inutilmente costoso, quindi il rischio di perdere la commessa diviene quasi una certezza.

spessore pavimento industriale calcestruzzo

Assodato quindi che il pavimentista non ha nessun interesse nel proporre spessori più elevati del necessario, ne vale davvero la pensa spingersi oltre le soglie minime di sicurezza?

Vediamo quindi quali sono i rischi nello spingersi “troppo in basso” e cosa dicono i testi tecnici di riferimento.

  • Il primo fattore da considerare, quello più ovvio, é che al diminuire dello spessore del pavimento diminuisce la sua portata, la sua capacità di supportare il lavoro e, al superamento della soglia limite, la sua integrità e durabilità.
  • Più lo spessore delle piastre è basso, più aumenta l’effetto curling (imbarcamento) a danno della planarità finale del pavimento.
  • Più aumenta l’effetto curling, più le piastre del pavimento mancheranno di un solido appoggio sulla massicciata. Al passaggio dei carrelli si verificheranno movimenti verticali delle piastre di cls, principale causa di degrado dei giunti.
  • Lo stesso documento CNR DT211/2014 (Istruzioni per la Progettazione, l’Esecuzione ed il Controllo delle Pavimentazioni di Calcestruzzo che trovate gratuitamente nella nostra sezione Download), in merito all’argomento curling specifica che: “…In particolare, è fortemente sconsigliato realizzare pavimentazioni di calcestruzzo con spessori inferiori a 15 cm.”  Ricordo che tale documento è stato citato ufficialmente in una circolare esplicativa delle Norme Tecniche per le Costruzioni 2018. Nonostante ciò, sono innumerevoli le richieste d'offerta ed i capitolati "tecnici" che indicano pavimentazioni ad uso industriale con spessore di 10/12 centimetri, se non meno!
  • Risulta inoltre fondamentale ricordare che lo spessore del pavimento in calcestruzzo e le sue portate, sono direttamente correlate allo strato che supporta la pavimentazione stessa, il quale può essere costituito da massicciata, un getto integrativo, una vecchia pavimentazione, uno strato di coibentazione, etc.  A tal proposito, il Codice di Buona Pratica per la progettazione e realizzazione di pavimenti in calcestruzzo edito da Conpaviper, in merito alle pavimentazioni poste su strato di coibentazione, specifica che “lo spessore minimo (del pavimento) non deve essere inferiore a 15 cm”
  • In ultimo, occorre ricordare che minore é lo spessore del massetto, minori dovranno essere le dimensioni dei lati delle piastre di calcestruzzo. I giunti dovranno quindi essere maggiori.  Se consideriamo i giunti come la parte del pavimento maggiormente soggetta a degrado, maggiori sono i giunti e maggiori saranno le aree oggetto di possibile degrado e maggiore sarà la manutenzione necessaria al pavimento.
     

Dopo aver spiegato tutto questo, di solito mi dicono “Ma non possiamo farlo più basso neanche se mettiamo la rete/fibre?
Premesso che l’inserimento di un armatura composta da rete, fibre od entrambe rappresenta lo standard per ogni pavimento industriale, occorre specificare che le stesse hanno lo scopo di contenere lo stato fessurativo tipico del calcestruzzo e, salvo casi particolari, non hanno correlazione con le portate del pavimento.

spessore pavimento industriale calcestruzzo

Pavimenti a basso spessore: SI, ma per specifiche esigenze.

La tecnologia nel mondo del calcestruzzo e delle pavimentazioni è ovviamente avanzata.
E’ assolutamente possibile, dal punto di vista meramente tecnico, realizzare pavimentazioni in calcestruzzo a basso spessore (<15 cm).
E’ possibile l’utilizzo di calcestruzzi speciali ad alte prestazioni e ritiro controllato, l’utilizzo di armature miste costituite da rete elettrosaldata e fibre sintetiche o metalliche, sino ad arrivare alla tecnica della post-tensione.
Per pavimentazioni collaboranti mediante incollaggio chimico-fisico con le piastre o solai sottostanti, è possibile spingersi nel realizzare pavimenti industriali di pochi centimetri di spessore (sino a 5!)
Risulta ovvio tuttavia che queste soluzioni tecniche rendono il sistema pavimento più costoso rispetto ad un pavimento a medio spessore (15-25 cm) di tipo tradizionale; sono quindi un’ottima soluzione nel caso si debba realizzare pavimenti nel rispetto di quote vincolanti, a causa di errori progettuali, esecutivi o nel caso di ristrutturazioni.

spessore pavimento industriale calcestruzzo
Leggi di piú

Come già descritto in un precedente articolo, il prelievo di calcestruzzo per la realizzazione di campionature (cubetti o cilindri) da destinare a prove di rottura, deve essere effettuato come dalle Norme tecniche per le costruzioni e nella Circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti n. 617 del 02/02/09, la quale fa riferimento alla UNI EN 12390, pena l’invalidazione dello stesso.
Molto spesso vedo realizzare in cantiere i classici “cubetti” da professionisti non adeguatamente istruiti, con cubiere inadatte (polistirolo), senza contradittorio, né compilazione della dovuta documentazione, né adeguata maturazione.
Inutile dire che tali pratiche rappresentano una semplice perdita di tempo, in quanto in caso di gravi problematiche della struttura o contenziosi, le campionatore saranno praticamente prive di validità ed attendibilità.

verbale di prelievo calcestruzzo

I testi sopra citati definiscono chiaramente obblighi e responsabilità delle figure coinvolte nel processo produttivo del cantiere
Il costruttore è il responsabile della qualità del calcestruzzo che sarà controllata dal Direttore dei Lavori.
I prelievi di calcestruzzo devono essere effettuati in contradittorio, con l’indispensabile presenza del Direttore dei Lavori o di un suo tecnico incaricato, il quale dovrà apporre oltre la firma anche il timbro di identificazione professionale.
Il prelievo e la realizzazione delle campionature dovrebbe essere a cura del costruttore o di un Tecnologo del calcestruzzo da esso incaricato
Deve essere redatto un verbale di prelievo del calcestruzzo, che trovate gratuitamente nella nostra sezione Download.
Il campione di calcestruzzo deve essere identificato in modo permanente mediante apposizione di targhetta identificativa, generalmente inglobata nel cls stesso.
Dato che la corretta maturazione dei prelievi di calcestruzzo è parte integrante del processo di realizzazione degli stessi, è inoltre buona regola indicare chi è il responsabile di tale operazione.
Prestare molta attenzione al numero di prelievi da effettuare!  Qualora non sia possibile realizzare il numero di prelievi previste dalla norma, dovrà essere motivato sul verbale.

verbale di prelievo calcestruzzo
Leggi di piú

Come già illustrato in precedenti articoli e video, il calcestruzzo è un materiale da costruzione che, nella sua fase iniziale fluida, contiene una elevata quantità di acqua, solitamente pari ad almeno 160/170 litri al metro cubo.
L’acqua non coinvolta direttamente nel processo di idratazione del cemento tenderà ad evaporare. La maggior velocità di evaporazione dell’acqua d’impasto dipende da (in ordine di rilevanza):

  1. Ampiezza della superficie di calcestruzzo esposta all’aria (tipica ad esempio dei pavimenti industriali)
  2. Ventilazione.
  3. Siccità dell’aria.
  4. Temperatura ambientale ed esposizione ai raggi solari.

L’evaporazione dell’acqua d’impasto corrisponde ad una perdita di volume del calcestruzzo che nello specifico viene definito ritiro igrometrico.
Il ritiro igrometrico innesca delle forze di trazione all’interno della struttura in calcestruzzo.
Come è noto, il calcestruzzo presenta buone/ottime resistenze a compressione che aumentano costantemente durante il periodo di maturazione, ma scarse resistenze a trazione, specialmente nelle fasi iniziali post-getto, in cui tali resistenze sono ridottissime.
Se il ritiro è impedito da vincoli strutturali, si innesca il fenomeno della fessurazione, tipico del calcestruzzo.
Per limitare il fenomeno fessurativo occorre quindi eliminare, per quanto possibile, i vincoli strutturali e controllare il ritiro igrometrico.

Calcestruzzo a ritiro compensato

Il calcestruzzo a ritiro compensato è un calcestruzzo speciale, il cui ritiro igrometrico viene ridotto e controllato mediante uno specifico mix-design e l’utilizzo di agenti chimici espansivi ed SRA (Shrinkage Reducing Admixture).
I compounds espansivi per calcestruzzo sono generalmente a base di idrossido di calcio cotto ad alta temperatura (CaO), Solfalluminato tetracalcico (C4A3S) od ossido di Magnesio (MgO). Questi composti, in reazione con l’acqua formano prodotti (idrossidi od ettringite) in grado di aumentare il proprio volume e quindi compensare, parzialmente, totalmente od addirittura superare la perdita di volume data dall’evaporazione dell’acqua d’impasto del calcestruzzo. Nel caso l’espansione del calcestruzzo venga contrastata elasticamente, possono indursi all’interno della struttura delle forze di compressione.

Se la stagionatura umida del calcestruzzo è buona norma nel calcestruzzo tradizionale, lo è ancor di più nel calcestruzzo a ritiro compensato in quanto, come descritto precedentemente, i compound espansivi possono svolgere la loro funzione solo in presenta di importanti quantità di acqua.
Il calcestruzzo deve quindi rimanere nei casseri sino a completamento delle reazioni chimiche (2 o 7 giorni, in funzione del tipo di espansivo utilizzato) o maturare protetto da teli bagnati. In alternativa è possibile applicare sulla superficie degli antievaporanti chimici (curing agents), i quali fungono da barriera pellicolare contro l’evaporazione dell’acqua.

Gli SRA sono invece additivi riduttori di ritiro a base di glicole propilenico, il quale agisce modificando la tensione superficiale dell’acqua all’interno delle porosità capillari della pasta di cemento. Tale fenomeno diminuisce l’intensità delle forze che agiscono sulle pareti dei pori, garantendo una migliorata stabilità volumetrica della struttura.

Calcestruzzo a ritiro compensato

Calcestruzzo a ritiro compensato: si, ma solo con adeguato progetto.

L’utilizzo di calcestruzzo a ritiro compensato non è la soluzione immediata a tutti i limiti tipici del di questo materiale, e non é da dar per scontata l’assenza di fenomeni fessurativi o l’eliminazione dei giunti di contrazione!
Il calcestruzzo, anche se a ritiro compensato, deve essere progettato in funzione dello specifico utilizzo e delle condizioni ambientali in cui esso verrà applicato.
L’espansione dei compounds deve essere misurata con test di laboratorio, al fine di individuare il corretto dosaggio degli stessi.
Un sovradosaggio di espansivi può essere controproducente! (fidatevi, l’ho imparato a mie spese). Devono inoltre essere valutate le tempistiche con cui l’agente espansivo agisce, assicurandosi che esse siano compatibili con quanto previsto in fase progettuale (ad esempio, per realizzare un pavimento industriale senza giunti, gettato nel mese di Luglio, sarebbe quasi inutile utilizzare un espansivo che inizia a produrre i suoi effetti dopo 2 giorni dal getto)
Le corrette indicazioni per la messa in opera del calcestruzzo e per la sua maturazione umida non devono essere trascurate, anzi, sono ancor più importanti quando si utilizzano agenti espansivi.
La struttura e le armature della stessa, devono essere progettate tenendo in considerazione l’uso di calcestruzzo contenente espansivi.
Solo in questo modo il calcestruzzo a ritiro compensato può soddisfare le aspettative.

Calcestruzzo a ritiro compensato
Leggi di piú

Il coefficiente di Winkler o costante di Winkler o modulo di reazione del terreno, indicato generalmente con k, rappresenta la rigidezza del suolo, idealizzato matematicamente alla Winkler come un letto di molle elastiche fra loro indipendenti. Tale metodo ha la comodità di essere usato con facilità nei calcoli strutturali e presenta sufficienti legami alla maggioranza dei casi reali.

Il coefficiente di Winkler (k) non è una proprietà intrinseca del terreno, ma dipende dalla stratigrafia e dalla composizione fisica del suolo (tipologie di terreno, dimensione, forma ed assortimento del pietrisco), che ne determinano lo stato tenso-deformativo.

Nella realizzazione di un pavimento industriale, il coefficiente K è la base di partenza per qualsiasi calcolo progettuale. Il pavimento in calcestruzzo, non essendo “auto-portante”, svolge il suo lavoro dipendentemente dal supporto su cui poggia.

Coefficiente di Winkler o coefficiente di reazione del terreno

Come determinare il coefficiente di Winkler tramite prova di carico su piastra.

Per la determinazione del coefficiente di reazione del terreno k, occorre effettuare delle prove in situ mediante piastra rigida statica del diametro di 760 mm, secondo le indicazioni fornite dalla Norma CNR BU N. 146 del 14 Dicembre 1992. Nonostante la piastra da 30 cm sia più pratica per il trasporto, essa fornisce risultati meno rappresentativi in quanto coinvolge una porzione di massicciata notevolmente inferiore, inoltre i risultati devono essere matematicamente correlati alla piastra da 76 cm.

Individuata la zona della massicciata dove eseguire la prova (preferibilmente NON le zone soggette a maggiore e più facile compattazione), la stessa va livellata con un leggero allettamento di sabbia. Si posiziona la piastra di acciaio, si inserisce al centro della piastra il cilindro idraulico, contrastandolo dal lato opposto con un mezzo d’opera od un’autobetoniera.
A 120° dal perimetro della piastra vanno posizionati tre trasduttori elettronici di spostamento con risoluzione 0,001 mm.
La prova si effettua eseguendo un doppio ciclo di carico e di scarico.

k = 0,07/(L1-L2)

k = Coefficiente di reazione del terreno [N/mm3]
0,07 = Valore teorico entro il quale il terreno risulta sollecitato in modo elastico
L1 = Valore medio delle letture del cedimento della piastra ad esaurimento, ovvero ad una pressione di 0,08 N/mm3
L2 = Valore medio delle letture del cedimento della piastra ad una pressione di 0,01 N/mm3
 

Non esistono valori k “ottimali”, ma solo valori che devono corrispondere a dati di progetto (questo per rispondere a chi, di sovente, mi chiede che valori deve avere la massicciata per poter realizzare un pavimento industriale)
In ogni caso, per pavimentazioni ad uso industriale, è improbabile utilizzare massicciate con valori medi inferiori a 0,06 N/mm3

Coefficiente di Winkler o coefficiente di reazione del terreno

Gli svantaggi della piastra statica e l’alternativa della piastra dinamica.

Il test della piastra statica è il test normato in Italia per la determinazione del coefficiente di Winkler tuttavia, per caratteristiche intrinseche, porta con sé diversi svantaggi:

  • E’ un test che richiede diverso tempo per la sua realizzazione, oltre che la messa a disposizione di un mezzo d’opera di importanti dimensioni che funga da contrasto.
  • La strumentazione e la piastra da 760mm hanno un elevato peso da gestire.
  • Il tempo occorrente per l’esecuzione della prova ne implica un numero esiguo di test eseguibili in una giornata lavorativa, con conseguenze anche economiche.

Il metodo della piastra dinamica risulta estremamente veloce, facile e dinamico per valutare la qualità e l’omogeneità di compattazione di una massicciata.
Il test LWD (Light Weight Deflectometer) si esegue facendo cadere un massa battente di 10 kg su una piastra di 300 mm di diametro, nella quale è alloggiato un accelerometro.
I dati rilevati dall’accelerometro mediante 3 serie di battute, vengono inviati ad un’unità di rilevazione esterna in grado di stampare e/o immagazzinare i risultati.
Data la grande velocità di esecuzione del test (meno di 2 minuti) è possibile eseguire decine/centinaia di rilevazioni, in modo da avere una accurata mappatura dell’omogeneità di compattazione della massicciata, cosa che con il metodo della piastra statica non è possibile!
Purtroppo la piastra dinamica (o LWD test) non gode di un adeguato riconoscimento nella normativa italiana, pertanto i suoi risultati andrebbero comparati con quelli della (obsoleta) piastra statica.

Nel link qui sotto potete vedere un video registrato in cantiere, che parla di massicciata e prove con piastra dinamica.

Coefficiente di Winkler o coefficiente di reazione del terreno
Leggi di piú

Tra carenze produttive dovute alla pandemia Covid-19, il blocco momentaneo del canale di Suez, gli scontri politici tra USA, Europa e Cina, l'aumento dei dazi doganali ed i costi di trasporto, misteriose fabbriche che bruciano (non si sa quali però)...
Impossibile identificare le cause di quanto sta succedendo e "capirci qualcosa", a meno che non si é esperti in politica ed economia globale.
Quello che invece é possibile osservare é una situazione fuori controllo, con difficoltà di reperimento di qualsiasi materia prima ed i prezzi che hanno raggiunto picchi mai visti prima.
Ed é proprio quel "qualsiasi materia prima" che mi fa destare molto sospetto.
E' comprensibile che ci siano periodi in cui una o due materie prime possano essere di scarsa reperibilità, per problemi estrattivi, produttivi od eccessiva richiesta di mercati esteri.
Ciò che non é comprensibile, e non voglio assolutamente passare per complottista, é che oggi ci sia carenza di tutto e che tutto costi il doppio.
Fa quasi sorridere, se non fosse per le ripercussioni sull'economia italiana, pensare che oggi il mercato ha addirittura carenza di legname e che i suoi prezzi sono saliti di oltre il 70%.   Difficile a credersi che le cause sono da ricercare nel boom edilizio degli USA, e che le foreste del nord ed est Europa non siano sufficienti a soddisfare il mercato interno europeo.
Anche nel settore dei pavimenti industriali le difficoltà si fanno sentire.
Nelle pavimentazioni in calcestruzzo i prezzi delle armature metalliche (reti elettrosaldate e fibre) é schizzato alle stelle.
Nel settore pavimenti industriali in resina la situazione é decisamente peggiore, in quanto oltre all'aumento dei prezzi vi é una contingentazione delle forniture, al punto da rendere quasi irreperibili alcune tipologie di polimeri.

Coefficiente di Winkler o coefficiente di reazione del terreno

ANCE lancia l'allarme: "Governo intervenga o rischio chiusura cantieri"

L'Associazione Nazionale Costruttori Edili ha diramato una nota ufficiale:
Rischio conseguenza gravissime su investimenti e occupazione (ANSA) - ROMA, 01 GIU - L'Ance esprime "forte preoccupazione e delusione" per l'assenza nel decreto Sostegni bis di misure che permettano di fare fronte al "caro materiali", definita "la principale emergenza che sta affrontando il settore delle costruzioni in questi mesi". "La fiammata insostenibile del costo dei materiali da costruzioni, che dura da oltre sei mesi, - ha sottolineato l'associazione in audizione in Commissione bilancio della Camera - sta mettendo in ginocchio le imprese: +150% per l'acciaio tondo per cemento armato; +129% per il Polietilene, +30% per il rame solo per fare alcuni esempi. Oggi le imprese lavorano sottocosto ed e' quindi necessario adottare misure eccezionali, concrete e immediate - simili a quelle adottate nel 2008 - che possano evitare il blocco di centinaia di cantieri sia pubblici che privati mettendo a rischio anche le opere del Recovery Plan e gli interventi del Superbonus 110%". "Senza un rapido intervento del Governo e del Parlamento in questo senso, infatti, e' forte il rischio di conseguenze gravissime in termini di occupazione ed investimenti. 

Leggi di piú
Segui Atef su Twitter
Segui Atef su Facebook
Segui Atef su YouTube
Segui Atef su Instagram

Atefchannel

Atefchannel on YouTube

Visita il Canale

  Web Agency XODUS New Media

Possiamo esserti utili?

Compila tutti i campi. Ti ricontatteremo in tempi brevi.